Il dialogo terapeutico nel contesto sociosanitario attuale

Uno dei lavori più urgenti in questo periodo pandemico è quello di placare l'angoscia, lo smarrimento, la sensazione di catastrofe incombente in cui ci hanno/siamo precipitati. Uno dei modi è senz'altro quello di ricreare un minimo di tessuto sociale attraverso scambi e momenti comuni di pensiero.

In tal senso Metis propone una serie di incontri durante i quali saranno letti, e amorevolmente commentati in piccoli gruppi, testi letterari (poesia e prosa), musicali e visivi, che affrontano i temi della malattia, della perdita, della morte, della guerra e della barbarie che avanza, invitando a riflettere sulla dimensione pubblica e collettiva, mai solo privata, del dolore.

Questa operazione culturale azzera la coppia medico/paziente e riporta il pensiero alle categorie universali

Il nostro sarà un tentativo di leggere ‘in modo analogico’ lo stato di pandemia in cui ci troviamo e l’uso mediatico e sociale che ne è stato e continua a esserne fatto.

Pensare ad altri momenti della storia, ad altri luoghi geografici, ad altre esperienze umane altrettanto o ancora più segnati dalla perdita, è un modo preciso di coltivare la speranza e di immaginare il futuro costruendo e ricostruendo insieme la memoria.


segreteria@metisonline.it           02 29515510 cell 335-1419110